Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Leonardo da Vinci
Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci, personaggio emblematico e riassuntivo del Rinascimento italiano.

Personaggio emblematico e riassuntivo del Rinascimento italiano, personalità inquieta e poliedrica, perennemente insoddisfatto dei risultati raggiunti capace di passare senza soluzione di continuità dall'arte alla scienza, Leonardo sfugge a una definizione unitaria e sintetica. La pittura (o quanto meno il disegno, di cui rimane maestro insuperabile, o i suoi dipinti) costituisce la trama di fondo su cui Leonardo proietta le attività più disparate: inventore, tecnologo, architetto, ingegnere idraulico e militare, urbanista, botanico, astronomo, trattatista, poeta.

La formazione artistica avviene a Firenze, durante gli anni settanta del Quattrocento. Leonardo esordisce al fianco del maestro Verrocchio (Battesimo di Cristo agli Uffìzi) e non tarda a manifestare la spiccata attitudine verso il ritratto (Ginevra Benei, Washington, National Gallery) e verso la ricerca del movimento dinamico e dell' espressione psicologica. Queste ultime caratteristiche, sostanzialmente estranee al gusto calligrafico di Perugino e Botticelli, provocano la mancata chiamata di Leonardo fra gli artisti che decorano la cappella Sistina.
 
Leonardo reagisce lasciando Firenze per Milano (1482). Allungo soggiornò presso Ludovico il Moro risalgono opere fondamentali come la Vergine delle rocce (Parigi, Louvre), il Cenacolo e gli appassionanti studi sulle espressioni umane e sugli effetti dell' atmosfera (Winrlsor, Collezioni Reali). Alla caduta ciel Ducato di Milano (1499) Leonardo ritorna a Firenze, dove gareggia con Michelangelo negli affreschi (perduti) di palazzo Vecchio e inizia l'esecuzione della Gioconda. Accumula centinaia di fogli di disegni, appunti, studi, per lo più raccolti in "codici" (il più importante è nella Biblioteca Ambrosiana di Milano). Tornato a Milano, elabora la Madonna con sant’Anna (Parigi, Louvrc) e lascia un influsso decisivo sulla scuola locale. Accogliendo l'invito del re Francesco l si trasferisce infine in Francia, dove dipinge le ultime, enigmatiche opere (San Giovanni Battista, Parigi, Louvre).