Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Stime Istat
Stime Istat

Stime Istat 2014

Dopo la materializzazione dello spirito della deflazione le previsioni per i prossimi mesi sono tutt’altro che favorevoli alla ripresa economica, con estrema probabilità vi sarà un ulteriore rallentamento dell’economia con consistente perdita di posti di lavoro e regalie alle aziende private magari attraverso la dismissione del bene pubblico per fare cassa, queste politiche favoriranno dirigenti milionari a danno dell’occupazione e vi saranno con estrema probabilità ricorsi massicci alla cassa integrazione, il dato attuale ci parla di 1000 posti di lavoro persi al giorno.

Quindi nei fatti si profila un ulteriore periodo di stagnazione. Parlando del “famoso” carrello della spesa anche in quel caso si deve parlare di deflazione per la prima volta in Italia dal 1959, la deflazione è l’abbassamento dei costi per beni e servizi. Sempre secondo i dati Istat torna a salire il tasso di disoccupazione come abbiamo detto e le donne sono le più penalizzate, infatti nel secondo trimestre per gli uomini il tasso resta all’11,5%, mentre per le donne aumenta notevolmente passando dal 12,8% al 13,4%.

Per quanto riguarda le-gli occupati a tempo parziale vediamo un aumento (+1,9%), ma questa crescita riguarda in maniera esclusiva il part time non scelto (involontario) che coinvolge il 64,7% delle lavoratrici e dei lavoratori. Fonte: http://www.cambiovaluta.net/news