Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Nuove identità e leadership femminili
Nuove identità e leadership femminili

Nuove identità e leadership femminili

Che “dietro ogni grande uomo ci fosse una grande donna” non vi era alcun dubbio. Oggi si potrebbe aggiungere che dietro ogni grande donna “c’è sempre un riconoscimento di merito”, valore che attualmente, grazie alla tecnologia ed il progresso, siamo in grado di quantificare con sofisticati tool di Social Network Analytics.

Cos’è la leadership inclusiva? Applicazioni software e tool all’avanguardia dimostrano quanto sia importante riconoscere le caratteristiche distintive di ogni risorsa impiegata, per identificare e valorizzare nuovi talenti nel mondo del lavoro. Il ruolo della donna nella società contemporanea è profondamente cambiato, ed allo stesso modo il discorso sulle pari opportunità, che da utopia sta gradualmente divenendo realtà. Quasi tutte le aziende ormai, praticano e supportano la leadership inclusiva, ossia un modello di dirigenza che aiuti ad esprimere al meglio tutti, massimizzando le competenze interne. Partendo dal presupposto che ogni azienda sia composta da un’ insieme di elementi interrelati tenuti insieme da una ragion d’essere comune, un’organizzazione che disponga di personale molto variegato (per esperienza, genere ed età) e che abbia adottato il modello inclusivo, avrà un potenziale decisamente maggiore rispetto alle altre.

Approccio top down vs bottom-up La possibilità di osservare le dinamiche relazionali nascoste dalle tradizionali barriere gerarchiche, costituisce infatti un valore aggiunto inestimabile per un’impresa. Riconoscere talenti ma soprattutto saperli premiare, non è da tutti e talvolta l’ approccio top-down (dall’alto verso il basso) viene preferito al bottom-up (dal basso verso l’alto). Il rilievo della diversità femminile puo’ essere senz’altro compreso meglio da un’organizzazione che pratichi la leadership inclusiva, purchè sia pronta ad accogliere candidature e “scalate” impreviste.

L’implementazione di un tool strategico come FiorDaLiSo, il Social Network Analyticssviluppatoon-top rispetto ad uno strumento preesistente (TamTamy,l’Enterprise Social Network di Reply), avverrà proprio allo scopo di:

- consentire ad aziende sia pubbliche che private, di effettuare assunzioni e promozioni interne sulla base delle competenze rilevate e non delle preferenze personali

- sviluppare relazioni democratiche ed orizzontali

- creare consenso, fidelizzare

- allargare il know-how dei dipendenti

- semplificare i processi aziendali

Ottenere un ambiente di condivisione e di fiducia rientra tra gli scopi principali del progetto finanziato dalla Regione Lazione, al quale hanno partecipato eccellenze italiane come Whitehall Reply, capofila del progetto, Teleskill, Dos Media, Dstech, Pradac Informatica, il Dipartimento d’Informatica ed il Dipartimento di Management dell’Università la Sapienza di Roma.

Mettendo insieme esperienze e competenza, le suddette realtà informatiche hanno dato vita ad un sistema innovativo e all’avanguardia che potrà agevolmente sostituire le ormai sorpassate reti Intranet, troppo statiche per apportare cambiamenti di spessore. Le tre funzionalità primarie di FiorDaLiSo, ovvero:

1.Social Buzz

2.Social Network

3.Statistics

Consentiranno di riconoscere i topics d’interesse maggiore, individuare l’orientamento dei flussi di conversazione, analizzare le relazioni tra utenti su base mensile ed annuale, per poi stilare delle statistiche che possano aiutare concretamente l’azienda ad aumentare produttività e fatturato.