Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Allarmi senza fili per casa
Allarmi senza fili per casa

Allarmi senza fili per casa: impianti di ultima generazione

Rispetto ai primi sistemi di allarme domestici, gli antifurti di ultima generazione hanno raggiunto livelli più sicurezza eccezionali. Oltre a garantire una maggiore sicurezza dell’abitazione, questi innovativi e moderni sistemi hanno la grande capacità di adattarsi alle diverse necessità degli utenti. Quelli di ultima generazione, sono per lo più strumenti senza fili.

Nonostante l’iniziale reticenza che ha accompagnato la nascita e la diffusione dei sistemi di allarme senza fili, oggi sono sempre di più gli utenti che scelgono antifurti che sfruttano le onde radio. Il principale dubbio rispetto agli allarmi wireless era, ed è, principalmente legato al fatto che i collegamenti via onde elettromagnetiche vengono percepiti più deboli rispetti a quelli classici con i fili.

Per la protezione e la tutela delle abitazioni, i sistemi di sicurezza senza fili sono sicuramente quelli maggiormente adottati soprattutto se è un impianto aggiunto in seguito al completamento dei lavori. Inoltre, i dispositivi wireless hanno la fortuna di poter essere collocati anche in punti della casa sprovvisti di corrente elettrica.

Allarme senza fili: com’è composto?

I sistemi di allarme wireless hanno, in genere, degli elementi standard:
La centralina: punto centrale del sistema, elabora i segnali inviarti dai vari dispositivi e genera l’allarme in caso di intrusione;
Sensori di movimento: sono i dispositivi la cui funzione principale è il rilevamento della presenza di estranei o di movimenti all’interno della casa;
Sirena: produce l’allarme sonoro che ha lo scopo di avvisare all’esterno quello che sta avvenendo all’interno;
Sensore di porte e finestre: si attivano nell’esatto momento in cui uno dei serramenti viene aperto; Sensori di fumo e di gas: hanno lo scopo di far scattare all’allarme anche nel caso in cui scoppi un incendio oppure vengano rilevate perdite di gas.

A questi elementi standard comuni più o meno alla maggior parte dei sistemi, esistono altri componenti aggiuntivi di ultima generazione che perfezionano le attività dell’allarme. Per la gestione del sistema, può essere utilizzata un’interfaccia internet che permette il controllo da pc o smartphone.

Molto utile sarà anche il modulo GSM: si tratta di un modulo che permette di dotare la centralina di una scheda SIM collegata alla rete GSM che, in caso di allarme, può effettuare chiamate alle forze dell’ordine o alla sorveglianza oltre che inviare un sms al proprietario dell’abitazione.

La funzionalità antijamming, aiuterà a garantire una maggiore sicurezza in quanto segnala anomalie della frequenza causate dispositivi di disturbo utilizzate dai malintenzionati per rendere inefficace l’allarme.