Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





scegliere un avvocato
scegliere un avvocato

Come scegliere un avvocato

Un problema classico e molto diffuso, di cui si parla molto spesso anche sul web nei vari forum, è sicuramente quello quando una persona che ha un problema che richiede necessariamente l’intervento di un legale, non sa, non tanto a chi affidarsi, ma che metodo seguire per trovare un avvocato. Quasi sempre si finisce per chiedere un po’ in giro nella cerchia dei parenti, degli amici, dei conoscenti e quindi ad usare il passaparola, con tutti i limiti che questo metodo può avere. E’ comunque un problema che, nella sua interezza, non si è in grado di risolvere, ma è possibile comunque dare qualche indicazione che può tornare utile. Una cosa che si può dire subito è che scegliere un avvocato è un po’ come scegliere un qualsiasi altro artigiano od imprenditore.

 

Quando si porta la macchina dal carrozziere o dal meccanico, quando si chiama l’idraulico o l’elettricista per montare l’aria condizionata, si vogliono essenzialmente due cose: che il lavoro sia fatto bene e che il costo sia giusto e non esorbitante e magari anche chiaro, cioè comunicato in anticipo. Anche se con il proprio avvocato deve esserci prima di tutto un rapporto di fiducia; occorre infatti che la persona che si rivolge ad un professionista abbia fiducia, cioè senta di aver riposto la sua questione ed i suoi interessi nelle mani della persona che meglio di altre può curarla, che questa persona è di sufficiente onestà, correttezza e diligenza per portarla avanti con serietà e impegno. Si può cercare il proprio avvocato attraverso la sua specializzazione, un po’ come si fa per i medici specialisti e quindi si può cercare per esempio, un civilista, un matrimonialista, un esperto nel recupero crediti, un avvocato che si occupa quasi esclusivamente di sinistri stradali oppure uno specializzato in sfratti.

 

Questo metodo può essere buono o no, a seconda dei casi. Infatti la specializzazione, nel campo delle professioni legali, è, almeno ad oggi, una realtà intanto scarsamente realizzata e comunque anche controversa nella sua opportunità. Il problema, poi, è che spesso la persona che ha bisogno dell’avvocato, sbaglia ad individuare la specializzazione che gli serve. Nel caso dei medici, è il medico di base che, dopo una prima consulenza, rimanda allo specialista o ad una struttura dove sono presenti più specialisti diversi per fare degli esami. Nel caso, invece, dei problemi legali è la persona, che, presumendo di sapere cosa gli serve, si rivolge ad un penalista, quando invece gli serve un civilista o viceversa. Ed in questo caso rischia anche di spendere parecchi soldi, se il professionista che si trova davanti non è onesto.