Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Quotazioni oro usato
Quotazioni oro usato

Quotazioni dell'oro usato: conviene ancora rivolgersi ai compro oro?

Quando si decide vendere il proprio oro, sia esso usato o rovinato o semplicemente passato di moda o ancora perchè in tempi di crisi economica è meglio monetizzare vecchi gioielli, è importante rivolgersi a persone di provata serietà, affidabilità e competenza. Così, scegliere il professionista adatto a cui vendere il girocollo regalo di mamma e papà per il diploma piuttosto che l'anello pegno d’amore, per i ''non addetti ai lavori'' può rivelarsi un labirinto senza uscita, soprattutto quando non si ha un gioielliere di fiducia. Ci si può per esempio recare in uno dei tanti negozi compro oro o compro diamanti, canali oggi molto sfruttati, e affidare loro i propri metalli e pietre preziose.

Certo è che per avere l'esatta quotazione dell'oro che possediamo, oggi ci si può affidare alla rete. Chi utilizza internet, prima di recarsi presso un negozio compro oro o diamanti della propria città dovrebbe, per maggior tutela, dare prima un'occhiata alle stime forniti dal web sull'usato. Da ricordare che non esiste una differenza tra la quotazione oro usato o nuovo, ma esclusivamente si tiene conto del peso dell’oro, escluse pietre preziose, e della caratura dello stesso, che solitamente per i gioielli comuni si tratta di 18 carati o anche 14 carati.

Conti alla mano le stime di un negozio compro oro parlano (cifra approssimativa) di 34,80€ al grammo per l’oro 24kt viene pagato; 24,80€ al grammo per il 18Kt, mentre il 14Kt a 19,20€ al grammo. La quotazione, per esempio, di un gioiello 18kt del peso di 10 grammi viene pagato circa 248 euro.
Insomma, scelta non facile quella di vendere il proprio oro. I consigli sono sempre gli stessi: pesare i monili, rivolgersi a negozi iscritti alla Banca d'Italia, chiedere sempre il rilascio di un atto di vendita, e diffidare da chi non chiede i documenti di identità o paga oltre i tremila euro in contanti. (vietato per la legge sull’antiriciclaggio).