Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Fallimento Spyker
Fallimento Spyker

Fallimento Spyker

Un'altra casa automobilistica ci ha lasciato. L'olandese "Spyker" è ufficialemente fallita. A decretarlo è stato il Tribunale di Midden, nei Paesi Bassi con una storica sentenza. Fondata nel lontanissimo 1880 da due fratelli Handrik Jan e Jacobus Spijker che originariamente si dedicarono alla realizzazione di carrozze. Nel 1898 furono gli autori della famosissima “Carrozza d’Oro”, utilizzata per la cerimonia di incoronazione della Regina Guglielmina ad Amsterdam e poi regolarmente reimpiegata fino ai giorni nostri dalla famiglia reale olandese per le grandi occasioni.

Questo evento diede all'azienda grande visibilità. Intanto in tutto il mondo si stava sviluppando l'industria automobilistica, complici le corse che come la Parigi - Amsterdam -Parigi, diedero un notevole impulso all'industria automobilistica. L'azienda cominciò in seguito a realizzare automobili con motore Benz mentre risale ai primi anni del novecento la realizzazione dei primi modelli di modelli di produzione completamente autonoma.

La Spyker si distinse per essere la prima auto a trazione integrale e la prima ad avere i freni su tutte le quattro ruote. L'azienda fallì già nel 1925 e fu ripresa,con lo stesso nome nel 2000 con la realizzazione di auto super – sportive. Nel 2006 ebbe una breve apparizione nel mondiale di Formula Uno ed alle 24 Ore di Les Mans durante la quale si piazzò al quinto posto. Scelte sbagliate hanno affossato un'azienda produttrice di auto di tutto rispetto. “Questa non è senza dubbio la nostra fine” a dichiararlo è il fondatore ed amministratore delegato della compagnia che annuncia: “Il nostro obbiettivo è ora quello di unirci ad un importante colosso dell'automobile”.

Nulla è finito quindi per Muller che punta ad una fusione che possa dar una nuova vita alla casa automobilistica. Il desiderio di non mollare è stato sempre un tema caro a Muller; non a caso il motto dell'azienda è “Nulla Tenaci Invia est Via” che in Latino significa “Per il tenace, nessuna strada è impercorribile”. Fonte: http://sosmotori.com/