Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





attuatori pneumatici
attuatori pneumatici

Come si produce il bretzel, la merenda più antica al mondo

Il bretzel è un pane tedesco, tipico della merenda bavarese, dall’inconfondibile sapore gustoso e croccante. Tradizionalmente, questo prodotto da forno è possibile degustarlo in occasione dell’Oktoberfest a Monaco di Baviera e lo si riconosce dal tipico colore marrone scuro, oltre che dai grossi cristalli di sale bianco in superficie.

Il metodo di panificazione tradizionale, chiamato Laugenback, è eseguito da fornai esperti e con molta esperienza, in quanto è molto difficile conferire la tipica forma ad anello con le due estremità annodate. Questo metodo prevede, prima della cottura, l’immersione in una soluzione bollente di acqua e bicarbonato o soda caustica.

Quest’ultimo composto è utilizzato prevalentemente nella produzione industriale: la soda caustica, una potente soluzione alcalina realizzata con idrossido di sodio o di potassio, derivata dall’immersione in acqua di trucioli di legno carbonizzati, conferisce al bretzel la lucidità tipica. La causticità della sostanza si annulla, durante la cottura nel forno.

È difficile immaginare che la soda caustica possa essere utilizzata in un prodotto dolciario, ma senza di essa non avremmo mai imparato ad amare quella crosta marrone del bretzel tedesco, molto gustosa e raffinata.

La produzione industriale del Bretzel.

La panificazione industriale del bretzel è decisamente all’avanguardia rispetto a quella tradizionale in quanto, essendo completamente automatica, consente di ridurre i tempi di lavorazione ed economizzare sui costi d’impresa.

Ad esempio, grazie ai macchinari industriali odierni, per creare la tipica forma annodata del bretzel, che nel metodo tradizionale fa perdere molto tempo al fornaio, sono state sviluppate braccia meccaniche studiate appositamente per questa operazione. Il processo automatico di panificazione del bretzel avviene per fasi ed il perno del sistema è la stazione di alimentazione composta da attuatori pneumatici, i quali riescono a lavorare fino a 200 vassoi all’ora ripieni di bretzel, rispetto ai 40/50 prodotti lavorati a mano dal fornaio. I potenti attuatori, utilizzati nella produzione del bretzel, garantiscono, quindi, velocità, precisione ed ottime prestazioni.  

L’attuatore pneumatico nella produzione dolciaria.

  L’attuatore pneumatico è un turbocompressore “high tech” a geometria variabile, utilizzato molto nel mondo dell’elettronica ed, ormai, è una scelta necessaria, obbligatoria da parte delle aziende per aumentare significativamente le performance di produzione.

L’impiego di questo turbocompressore nella produzione industriale dei prodotti da forno, anche a bassi volumi, oltre a conferire più potenza, velocità ed efficienza, compie un lavoro meccanico che, grazie all’utilizzo di aria compressa come energia, è completamente innocuo, insensibile alle variazioni di temperatura, pulito e antideflagrante. Altri vantaggi degli attuatori pneumatici sono i seguenti:  

  • semplicità di montaggio ed utilizzo
  • resistenza
  • alta disponibilità