Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





 Vieste
Vieste

Vieste, la perla del Gargano

In corrispondenza del punto più orientale del promontorio del Gargano, sorge la meravigliosa cittadina di Vieste, soprannominata, grazie alle particolari bellezze naturali e agli scenari che la caratterizzano, "la Perla del Gargano"
Molteplici sono i luoghi da visitare e gli itinerari da non perdere assolutamente.
Appena fuori le mura cittadine, spicca Marina Piccola, una delle baie più affascinanti e suggestive di Vieste; per molto tempo, ha rappresentato la sede del porto di città, oggi sostituito dalla Villa Comunale, da cui è possibile ammirare la spiaggia e, difronte, lo scoglio di Santa Eufemia, su cui si erge il faro della città.

Sagre, fiere, concerti e cinema all'aperto sono solo alcuni degli eventi estivi che si tengono nella baia di Marina Piccola e che attraggono numerosi turisti.
Tra i posti più “vacanzieri” in cui alloggiare nella zona di Vieste ci sono numerosi villaggi turistici appena fuori la città, di cui noi segnaliamo in particolare www.maliavillage.com per la sua offerta ricettiva di qualità.

Tornando alla città e proseguendo verso il centro, si giunge alla parte più antica e storica della città, denominata, per l'appunto, "Vieste Vecchia". Il borgo, che sorge su una grossa roccia, ha origini medievali ed è caratterizzato da numerose gradinate e da stradine strette e irregolari, sormontate da arcate e piccoli ballatoi. E, proprio qui, d'estate, è possibile imbattersi in molteplici bazar, negozi di artigianato, di prodotti gastronomici locali e negozi di souvenir, oltre a pub, ristoranti, pizzerie, e trattorie, dove riscoprire gli antichi sapori e godere delle tipiche tradizioni culinarie.

Le principali costruzioni del borgo sono il Castello e la Cattedrale, entrambi risalenti al XI secolo. Il Castello Svevo si presenta come una struttura massiccia e imponente, a strapiombo sul mare; fu costruito da Federico II, nel XIII secolo, con funzione difensiva, ed è caratterizzato da una pianta triangolare e da tre bastioni disposti a rinforzare le punte. Il castello, attualmente sede militare, è aperto al pubblico solo in occasione di particolari eventi.

A circa 100 metri, sorge la Cattedrale, dedicata a Maria Assunta, caratterizzata da uno stile romanico-pugliese, e il suo campanile, progettato successivamente, in stile barocco. All'interno della chiesa, è possibile ammirare le tele della S.S. Trinità, risalenti al '700; la scultura di Gesù morto, di scuola michelangiolesca; la statua lignea di Santa Maria di Merino, di epoca tardo gotica, e quella di San Giorgio, patrono della città. Il 23 aprile, di ogni anno, è prevista una processione del santo e un picnic a base di frittata, seguito dalla tradizionale corsa dei cavalli, l'esibizione di orchestre e fuochi a mare.

A pochi passi dalla Cattedrale, è situata la "Chianca Amara", che in vernacolo significa "Roccia Amara", una pietra monumentale concava, su cui persero la vita più di cinque mila viestani, giustiziati, nel XVI secolo, da un ammiraglio dell'impero ottomano.
Continuando a percorrere le viuzze del centro storico e dirigendosi verso il mare, si giunge a Punta San Francesco, una piccola penisola rivolta verso est. Qui, sorge l'omonimo monastero con annessa una chiesa, costruiti sulle ceneri di un convento andato distrutto, tra il XV e il XVII secolo.
Da Punta San Francesco, attraverso una scala, si raggiunge una scogliera, da cui è possibile ammirare il Trabucco, una costruzione anticamente utilizzate per la pesca, tipica del territorio del Gargano; si tratta di una piattaforma in legno, adesa alla roccia e protesa verso il mare, che regala, ai tramonti della città, un'atmosfera unica e incantata.

Dirigendosi verso sud, si incontra la lunga spiaggia di Pizzomunno, dove, immediatamente, salta agli occhi il grandissimo monolite, alto 25 metri, simbolo della città di Vieste, denominato, appunto, Pizzomunno, su cui aleggiano diverse leggende.
La costa, infine, ricca di cavità, grotte marine e incantevoli scenari naturali, rappresenta uno dei paesaggi più suggestivi e indimenticabili della Puglia.