Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Vespa orientalis
Vespa orientalis

Invasione di vespe “aliene” in Italia: aumenta il rischio di allergie

Con l'aumento globale delle temperature nuove specie di insetti “esotici” giungono in Italia che, trovando le condizioni favorevoli alla loro riproduzione, prendono il posto delle specie locali. Il rischio? Aumento di allergie e possibili danni alle coltivazioni agricole.

Vespa velutina e Vespa orientalis: nuovi insetti conquistano la penisola

Nuove specie di insetti colonizzano la Penisola, giungendo da Oriente. È il caso della Vespa velutina e della Vespa Orientalis, provenienti rispettivamente dalla Cina e dal Medio Oriente.

L'aumento delle temperature annuali ha spinto così queste specie di vespe “aliene” a risalire lungo l'Italia, soppiantando le specie già esistenti. Il clima più caldo, inoltre, favorisce la riproduzione delle vespe e ne condiziona le abitudini. Conseguenza è la presenza di nidi di vespe perenni dunque la possibilità di essere punti e riscontrare reazioni allergiche.

Queste nuove specie, soprattutto nel periodo compreso tra i mesi di luglio e settembre, attaccano gli alveari già esistenti, sterminando intere famiglie di api. A lanciare l'allarme gli apicoltori italiani che vedono distrutti interi apiari dall'attacco della vespa velutina ed orientalis.

Vespe velutine e vespe orientalis, infatti, posseggono un tipo di veleno differente dalle specie di vespe italiane, al quale il nostro corpo non è abituato. Ogni anno sono circa 5 milioni i casi registrati di puntura da api, calabroni e vespe e, tra questi, quattrocentomila le reazioni allergiche gravi. Un caso su dieci è riconducibile a shock anafilattico.

Quando fare il vaccino?

I soggetti che presentano reazioni allergiche al veleno di imenottero (calabroni, api e vespe) possono prendere in considerazione la possibilità di vaccinarsi. Somministrando alcune piccole dosi di veleno, a mano a mano crescenti, la quasi totalità dei pazienti sottoposti a vaccinazione impara con il tempo a tollerare il veleno, allontanando o riducendo gli effetti di eventuali reazioni allergiche.