Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Riparare un elettrodomestico
Riparare un elettrodomestico

Riparare un elettrodomestico dentro e fuori dal periodo di garanzia.

La riparazione di un elettrodomestico in garanzia dovrebbe essere, di norma, una cosa semplice ma non è insolito che non lo sia.

Il primo problema che spesso si pone in questi casi è innanzitutto scoprire se il nostro elettrodomestico risulta ancora nel periodo di garanzia o meno. Non è raro scoprire che siamo fuori dal periodo di garanzia per soli 30 giorni oppure due mesi.

Come può succedere che riparare un elettrodomestico diventi una cosa complicata è perché?

Si potrebbero citare la poca voglia di un commesso di occuparsi di qualcosa che “non rientra del tutto nelle sue mansioni” la mancanza di conoscenza o di pratica in materia o altri motivi sempre legati al personale o all'azienda per cui lavora.

Qualunque sia la difficoltà legata al personale del negozio o centro commerciale dove  si è acquistato l’elettrodomestico (nel senso, se accampa scuse, dice bugie o simili) il consumatore può stare tranquillo che la riparazione dell’elettrodomestico difettoso è un suo pieno diritto, se questo oggetto ha un malfunzionamento e se questa cosa rientra nei due anni previsti dalla garanzia.

Esistono infatti dei regolamenti europei inconfutabili sui diritti dei consumatori, diritti ormai acquisiti già da molti anni.

Può succedere di essere male informati oppure di prestare eccessiva fiducia al commesso che dovrebbe saperne più noi o essere in una certa maniera al nostro servizio; maggiormente se siamo ignari delle norme che regolano queste faccende. Ma come si usa dire “carta canta” e ciò che è scritto, debitamente approvato dalla casa produttrice dell’elettrodomestico è superiore anche legalmente a tutto ciò che potrebbe venirvi detto.

E se quanto detto sopra potrebbe apparirvi perlomeno strano o ben poco comune, per non dire impossibile ci sarebbe da chiedersi come mai alcune delle maggiori e più famose società presenti in Italia nel campo della vendita di elettrodomestici hanno ricevuto un tot segnalazioni di disservizio proprio in questo campo, sotto vari aspetti ad esso collegati.

Se ditte o grandi ipermercati di tale fama e grandezza vengono tacciate di disservizi relativi alla garanzia di elettrodomestici, viene quasi naturale chiedersi di chi ci si può fidare. Magari del vecchio e impolverato negozio di elettrodomestici all’angolo che vende lavatrici non ancora così “intelligenti”. C’è da dire comunque che i maggiori rivenditori italiani di elettrodomestici si sono legalmente impegnati ad ovviare tali disservizi.

Trovare un riparatore di elettrodomestici dopo la garanzia

Rimane il fatto che quando usciamo dal periodo di garanzia dobbiamo essere in grado di trovare un riparatore competente, di cui ci possiamo fidare chi venga a casa nostra ad eseguire la riparazione in tempi ragionevoli. Potrebbe essere un tecnico riparatore di elettrodomestici a Torino o a Genova, questo è indifferente, facendo una veloce ricerca in internet probabilmente non sarà difficile trovare dei riferimenti.

Sia che si tratti di riparare il frigorifero oppure la lavatrice, la condizione in cui si trova il consumatore colto alla sprovvista dal guasto necessita sempre di un intervento tempestivo e immediato. La cosa migliore in questi casi è munirsi in anticipo del numero di telefono del nostro riparatore di fiducia, in modo tale che l'eventuale guasto non rappresenta un problema troppo fastidioso per noi.

L'ideale sarebbe cercare un riparatore che riesca fornirci delle informazioni esaustive sulla potenziale riparazione già al telefono e che magari non ci proponga subito di venire a casa nostra a visionare l'apparecchio solo per farsi pagare il costo della chiamata. Esistono dei riparatori che non si fanno pagare nei costo di preventivo ne il costo della chiamata, e questo già sarebbe il primo indicatore di onestà con cui potersi basare.