Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Immobili di lusso
Immobili di lusso

Immobili di lusso, c'è la ripresa

Nel settore del lusso, gli immobili a Roma e a Milano stanno conoscendo un trend positivo. Lo conferma l'Osservatorio Residenze Esclusive, che lascia intravedere segnali più che positivi e parla di una ripresa degli investimenti. Nella Capitale e all'ombra della Madonnina, quindi, la compravendita di case e immobili di lusso, dopo un periodo di parziale stasi, sta iniziando a regalare diverse soddisfazioni.

L'Osservatorio delle Residenze Esclusive, che chiama in causa direttamente gli operatori di mercato e che è curato dal gruppo Tirelli Partners, è stato presentato pochi giorni fa, e ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti gli addetti ai lavori. In particolare, i primi sei mesi di quest'anno hanno messo in evidenza i chiari segnali di un settore che si sta consolidando sempre di più, come già era chiaro negli ultimi sei mesi dello scorso anno. Per questo segmento del mercato immobiliare l'incremento delle transazioni è stato notevole, superiore al 30%, e per la prima volta negli ultimi 8 mesi l'indice di assorbimento è andato più in là del 10%.

Il fatto che si tratti di segnali positivi non è da sottovalutare, perché, come ha spiegato Marco Tirelli, nella maggior parte dei casi dalla nicchia degli immobili di lusso arriva il traino per una ripresa globale. Per gli stranieri e per gli italiani, per esempio, Milano si sta rivelando ogni mese che passa una piazza eccellente nella quale investire. Insomma, non bisogna lasciarsi ingannare dalla flessione dei prezzi medi, che per altro è poco significativa, inferiore all'1%, mentre si può essere entusiasti della crescita dei prezzi della fascia alta di immobili, pari allo 0.2%. Un leggero calo si registra anche per lo sconto che viene applicato sugli acquisti, pari al 15%.

Le circostanze in cui vengono collocati sul mercato gli immobili, per altro, in molti casi finiscono per condizionare anche lo scenario delle case in locazione e i clienti potenzialmente interessati agli affitti. Si nota, infatti, un orientamento in direzione della richiesta di abitazioni pronte per essere utilizzate, e nella maggior parte delle situazioni i proprietari manifestano la propria disponibilità a intervenire direttamente sugli immobili, in modo tale da garantirne subito l'abitabilità, a maggior ragione nell'eventualità in cui la casa in questione sia restata sul mercato per lungo tempo. Ciò ha comportato una riduzione degli sconti sul canone: se nel secondo semestre dello scorso anno erano del 13%, nel primo semestre del 2015 sono arrivati al 9.9%. Anche i tempi di locazione denotano una flessione, visto che si è passati da una media di quasi 19 mesi a una media di nemmeno 13 mesi. In più, a raggiungere la prima scadenza è meno del 50% dei casi.

Val la pena di sottolineare, in conclusione, che gli immobili di lusso spesso vengono posti in vendita a un prezzo più alto rispetto al loro valore reale, perché si è consapevoli della tendenza a negoziare, in modo particolare in seguito ad attese che non hanno prodotto i risultati sperati. Gli acquirenti stanno diventando sempre più accorti, insomma.