Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





attrezzature ditta di pulizie
attrezzature ditta di pulizie

La manutenzione delle attrezzature della ditta di pulizie a Milano

Generico - Multiargomento >

Vi siete mai accorti che molte volte dopo aver lavato un pavimento, per la stanza si nota uno sgradevole odore di muffa? Questo succede perché non si cambia lo straccio per lavare i pavimenti da troppo tempo o perché lo stesso non è stato conservato adeguatamente. La durata delle attrezzature della ditta di pulizie a Milano, escludendo ovviamente i prodotti usati per pulire come solventi e detersivi, dipende da 3 fattori: innanzitutto dalla qualità, dal modo in cui li si utilizza e dalla loro manutenzione. Questi fattori ovviamente determinano la durata anche delle attrezzature che normalmente troviamo in tutte le case, come gli stracci o i mop, che ultimamente sono i più utilizzati.

 

Oggi i mop che si trovano in commercio e che vengono usati dalla ditta di pulizie a Milano sono generalmente fatti da diverse fibre e le più usate sono il cotone ed il rayon, oppure una combinazione delle due. I mop completamente in cotone esigono un vasto adattamento prima di pulire al meglio, ma diversamente da quelli composti di altre fibre, seccano molto più rapidamente la superficie da lavare. Al tempo stesso  però, sono enormemente preda di funghi e di batteri, che all’interno delle fibre naturali trovano l’habitat adatto per diffondersi. Ecco appunto da dove deriva lo sgradevole odore di muffa. Il rayon invece è una fibra che si estrae dal cotone e viene trattata con sostanze chimiche, quindi i mop fatti di fibra di rayon hanno la proprietà di assorbire molto di più,  ma contemporaneamente le sostanze chimiche ne consentono una durata molto breve.

 

Infatti questi mop, quando vengono bagnati dalla varietà di detergenti si sfibrano rapidamente. La ditta di pulizie a Milano destina questo tipo di mop unicamente alle operazioni di asciugatura e consiglia di conservarlo dopo l’uso a testa in su, nei limiti del possibile in luoghi secchi e ben ventilati. Il mop eterogeneo è forse la scelta preferibile: niente sfilacciature, oltre ad un potere di asciugatura praticamente istantaneo. In genere il mop migliore è quello stretto da una fascia o da un anello, che ne consente una migliore consistenza e resistenza. C’è poi alla fine anche il mop in microfibra, che da qualche tempo viene usato anche dalla ditta di pulizie a Milano: il mop in microfibra è fatto da una treccia ininterrotta di vari filamenti uniti da punti di cucito. Questo è sicuramente lo strumento migliore per il lavaggio delle superfici piane e per rimuovere la polvere e la sua configurazione assicura inoltre, un minor tempo di asciugatura.