Desideri pubblicare comunicati stampa? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Obesità e sovrappeso
Obesità e sovrappeso

Obesità e sovrappeso, gli italiani sono sempre meno in forma

Una persona su dieci in Italia è obesa, e oltre un milione sono i superobesi. È questo il dato preoccupante che emerge dall’ultimo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sullo stato della salute nel nostro Paese, che però lancia un ulteriore allarme per il futuro: entro il 2030, infatti, i numeri potrebbero essere ancora più alti.

Italia, futuro in sovrappeso. Le ultime prescrizioni dell’Oms sul numero di persone che in Italia soffriranno di sovrappeso ed obesità nel 2030 non lasciano infatti spazio alle speranze: continuando su questa strada, infatti, rischiamo di andare incontro a percentuali “horror”, con un’incidenza del 50 per cento tra le donne e del 70 per cento tra gli uomini per il fattore “chili in più”. In aumento anche le tendenze per l’obesità, dove già oggi vantiamo – con un bambino su quattro - il poco invidiabile record europeo di piccoli obesi: tra meno di quindici anni questo aspetto interesserà il 20 per cento della popolazione (dall’attuale 12 per cento) maschile, e tra le donne il dato passerà dal 10 per cento al 15 per cento, con consequenziale incremento anche di patologie spesso legate a questa condizione, come cardiopatie, ipertensione o diabete.

Non solo estetica. Alla base di questo problema ci sono le cattive abitudini alimentari e nello stile di vita, vista la sedentarietà che “attanaglia” la maggior parte delle persone. In maniera meno acuta, questi sono anche due aspetti decisivi in un’altra problematica legata all’addome come la presenza di gas nell’intestino, che in genere è più frequente (e fastidiosa) per le donne, soggette alla ciclicità ormonale che comporta effetti sul transito intestinale.

Aria nella pancia, un problema diffuso. Gli esperti di www.donnafemminile.it, il portale dedicato al mondo delle donne, ha infatti realizzato vari articoli per spiegare bene le cause e i rimedi ai problemi di aria nella pancia, un disturbo funzionale che può apparire innanzitutto come un problema estetico, ma che può anche generare dolore localizzato nell’addome, senso di pesantezza e difficoltà respiratorie, e che colpisce – secondo le ultime statistiche – una percentuale compresa tra il 10 e il 15 per cento della popolazione mondiale, manifestandosi in prevalenza nell’adolescenza e con un picco di attacchi tra i 20 e i 40 anni.

Le cause dei gas nella pancia. La presenza di gas nell’intestino è riconducibile a molteplici cause: le più comuni sono quelle legate a un’alterazione dell’equilibrio della flora batterica intestinale, ma si riscontrano anche patologie come i diverticoli nonché, come accennato, una correlazione con gli stili di vita. Ad esempio, fumare contribuisce a inalare aria, così come l’abitudine di mangiare caramelle o masticare gomme, nonché un’alimentazione in cui siano presenti in eccesso bevande gasate, fibre, legumi (in particolare, i fagioli secchi recano più disturbo di quelli freschi) e le verdure a foglia larga, senza trascurare un certo fattore dipendente dalla predisposizione individuale.

I disturbi della pancia gonfia. L’aria intrappolata nell’addome provoca meteorismo, sensazione di gonfiore, una anche visibile distensione addominale e può causare rapidi movimenti di liquidi, nonché essere tra i sintomi di svariate patologie come la stipsi, la celiachia, la dispepsia e la sindrome da intestino irritabile. Questo tipo di disturbo però non si manifesta in maniera continua, ma si si caratterizza per colpire a fasi intermittenti e non è sempre legato a una eventuale maggiore quantità di aria racchiusa nell’intestino: spesso, infatti, l’insorgenza dipende dalla sensibilità individuale di chi ne soffre, e un contenuto di aria “regolare” per una donna può invece rivelarsi dolorosa e provocare notevoli disagi a un’altra persona.

Tre consigli per eliminare l’aria nella pancia. Per quanto riguarda invece i consigli sui rimedi per l’aria nella pancia, il primo è molto semplice: niente vita sedentaria. L’attività fisica, infatti, stimola l’attività intestinale e favorisce l’eliminazione dei gas in eccesso. Molto semplice anche il secondo suggerimento, ovvero masticare bene i cibi e in modo lento, così da far iniziare una buona digestione già nella nostra bocca, e così anche l’ultimo: mangiare la frutta lontano dai pasti, così da evitare l’effetto di fermentazione nell’intestino che producono questi alimenti (a parte l’ananas, che invece è un alleato della digestione grazie ai suoi specifici enzimi).